ambiente


L'Asso.Cons.Italia 

ha tra i suoi scopi statutari la tutela ambientale ed il diritto ad un ambiente sano 

anche attraverso la valorizzazione e la salvaguardia del territorio e dell’eco sistema; il controllo e la tutela di un rapporto equilibrato tra l’uso individuale delle risorse dell’ambiente ed un razionale sviluppo della società, finalizzato al rispetto della dignità della persona umana.




La politica dell'Unione Europea in materia ambientale

La politica europea in materia di ambiente si fonda sui principi della precauzione, dell'azione preventiva e della correzione alla fonte dei danni causati dall'inquinamento, nonché sul principio «chi inquina paga». Il principio della precauzione è uno strumento di gestione dei rischi cui è possibile fare ricorso in caso di incertezza scientifica in merito a un rischio presunto per la salute umana o per l'ambiente derivante da una determinata azione o politica. Ad esempio, per evitare danni alla salute umana o all'ambiente qualora sussistano dubbi in merito all'effetto potenzialmente pericoloso di un prodotto, può essere impartita l'istruzione di bloccare la distribuzione di tale prodotto o ritirarlo dal mercato se in seguito a una valutazione scientifica obiettiva permane l'incertezza. Tali misure devono essere non discriminatorie e proporzionate e vanno riviste non appena si rendano disponibili maggiori informazioni scientifiche.

Il principio «chi inquina paga» è attuato dalla direttiva sulla responsabilità ambientale, che è finalizzata a prevenire o altrimenti riparare il danno ambientale alle specie e agli habitat naturali protetti, all'acqua e al suolo. Gli operatori che esercitano talune attività professionali quali il trasporto di sostanze pericolose, o attività che comportano lo scarico in acqua, sono tenuti ad adottare misure preventive in caso di minaccia imminente per l'ambiente. Qualora il danno si sia già verificato, essi sono obbligati ad adottare le misure adeguate per porvi rimedio e a sostenerne i costi. Il campo di applicazione della direttiva è stato ampliato tre volte per includere rispettivamente la gestione dei rifiuti di estrazione, l'esercizio dei siti di stoccaggio geologico e la sicurezza delle operazioni offshore nel settore degli idrocarburi.

Inoltre, l'integrazione delle istanze ambientali in altri settori della politica dell'UE rappresenta oggi un concetto importante nell'ambito delle politiche europee (ora sancito dall'articolo 11 TFUE), sin da quando è emersa per la prima volta da un'iniziativa del Consiglio europeo tenutosi a Cardiff nel 1998 (il «processo di Cardiff»). Negli ultimi anni l'integrazione delle politiche ambientali ha compiuto, ad esempio, progressi significativi nel campo della politica energetica, come evidenziano lo sviluppo parallelo del pacchetto UE in materia di clima e di energia o la tabella di marcia verso un'economia competitiva a basse emissioni di carbonio nel 2050, che cerca le modalità economicamente più convenienti per creare un'economia europea più rispettosa del clima e con minori consumi energetici. Tale documento indica come i settori responsabili delle emissioni dell'UE (produzione di energia, industria, trasporti, edifici e costruzioni, nonché agricoltura) potranno contribuire alla transizione verso un'economia a basso tenore di carbonio nei prossimi decenni.

http://www.europarl.europa.eu/



Dopo le segnalazioni e la formale denuncia al Sindaco di Formia ed alle Autorità competenti da parte degli associati Asso.Cons.Italia - associazione dei consumatori - residenti, e non, in Formia, c.da Acqualonga, circa l´esistenza di un sito che per condotta abituale illecita di ignoti si era di fatto trasformato in luogo di scarico, deposito incontrollato e ricettacolo di rifiuti di ogni genere (v. foto), siamo lieti di comunicare che in questa zona meravigliosa e tranquilla di Formia, meta anche di passeggio con animali e di sportivi, l´Amministrazione comunale ha adottato tutti i provvedimenti necessari a tutelare la salute della popolazione che abita e transita nei dintorni, attraverso l´immediato intervento di bonifica e ripristino dello stato dei luoghi. Pertanto, con la speranza che le nostre terre non siano più oggetto di cronaca e di facile pubblicità negativa, così come è avvenuto alla fine dell´anno scorso, quando i giornali scrivevano di "discariche abusive", "di angolo di terra controllato e dominato dai clan" e "di basso Lazio come un´oasi di sole e mare non più felice come è stato raccontato", l´associazione dei consumatori Asso.Cons.Italia, ringrazia, a nome di tutti gli associati, il Sindaco di Formia, dott. Sandro Bartolomeo, e tutti coloro che, con la massima urgenza, sono intervenuti rimuovendo i rifiuti, mettendo in sicurezza il sito ed impedendo, così, ulteriori sversamenti.

Asso.Cons.Italia 

http://www.golfoedintorni.it/Default.aspx?page=New...



Oltre ad Asso.Cons.Italia anche la Formia Rifiuti Zero ha aderito all’iniziativa “LET’S CLEAN UP EUROPE”, un movimento europeo che intende contrastare ogni anno l’abbandono di milioni di tonnellate di rifiuti negli oceani, sulle spiagge, nelle foreste e nella natura in termini generali.

Per ridurre il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nell’ambiente e dare visibilità al tema, Formia Rifiuti Zero intende promuovere una giornata di pulizia della città e in particolare di luoghi particolarmente sensibili come: La Foce del Rio S. Croce a Gianola; le Grotte di S.Erasmo e il Porticciolo di Caposele.

 I lavoratori di FRZ, in qualità di volontari, si incontreranno sabato 14 maggio, alle ore 09:00, presso la Villa Comunale in Via Vitruvio, dove sarà allestito uno stand per accogliere tutte le associazioni che vorranno aderire all’iniziativa.

“L’evento Clean Up Europe – commenta l’Amministratore Unico Raphael Rossi – vuole essere un’occasione per vivere una giornata all’insegna del rispetto per l’ambiente.  I volontari di FRZ, i cittadini e le associazioni aderenti, si incontreranno per pulire tutti insieme la città. Sarà un momento per rivendicare l’importanza della raccolta differenziata e disincentivare il fenomeno, ormai diffuso, dell’abbandono di rifiuti nell’ambiente”.

http://www.duepuntozeronews.it/news/cronaca/formia...


Novità della raccolta differenziata nel Comune di Formia per il 2016

Per tutti i cittadini Formiani ci saranno importanti novità che riguardano la raccolta differenziata, infatti, dal 29 febbraio 2016 cambia il calendario di raccolta dei rifiuti porta a porta. Le novità principali sono: la suddivisione del territorio in due zone di raccolta, zona Cicerone area ovest e zona Mamurra area est; il secco residuo verrà raccolto una sola volta a settimana in tutta la città; i metalli saranno conferiti con la plastica e non più con il vetro come in precedenza; plastica e metalli verranno raccolti in sacchi di plastica di colore giallo forniti per il 2016 dalla società Formia Rifiuti Zero; i pannolini e pannoloni potranno essere conferiti nel sacco residuo ed in appositi contenitori che la FRZ posizionerà in luoghi protetti in prossimità dei quartieri della città, in sacchi blu per le persone che ne faranno richiesta; Il vetro verrà raccolto dalle 13:00 alle 19:00, per evitare i rumori al mattino. Altra novità importante sarà la distribuzione del contenitore per la raccolta della carta oltre ai sacchi per l’umido e per la plastica/metallo. Inoltre, a partire dal 1 marzo 2016 verrà attivato anche il servizio speciale a domicilio per il ritiro dei RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) di grandi dimensioni (lavatrici, frigoriferi, ecc.) su prenotazione attraverso il numero verde 800911334 che potrà essere contattato per qualsiasi tipo di informazione. Molti cittadini si chiederanno il perché di questi cambiamenti. Ovviamente la risposta sta nella migliore qualità del riciclo. Visto il miglioramento delle tecnologie che permettono il riciclo di alcuni materiali che prima non potevano essere riciclati, ora è possibile riciclare il 95% dei rifiuti. Oggi ad esempio, è possibile conferire nell’organico tovaglioli di carta sporchi e gusci dei molluschi; si può conferire nella carta anche carta non troppo sporca, tetrapack, cartone della pizza se non eccessivamente unta; è possibile conferire nella plastica anche piatti e bicchieri di plastica, grucce di plastica, vaschette di polistirolo ed i metalli che dal 29 febbraio 2016 andranno con la plastica per un miglior riciclo. Questa nuova organizzazione del servizio consentirà di aumentare le risorse per la pulizia ed il decoro, specie nei quartieri della periferia della città. Formia è tra i comuni del centro-sud con la percentuale più elevata di raccolta differenziata, tuttavia bisogna farla al meglio facendo più attenzione e seguendo le regole.  A tal proposito ricordiamo che tutti gli altri tipi di rifiuti possono essere portati gratuitamente all’Ecocentro in Via S. Maria Cerquito 2, a disposizione dei cittadini dal lunedì al venerdì mattina e pomeriggio e sabato mattina: rifiuti pericolosi (pile e batterie, vernici, solventi, medicinali scaduti ecc), gli ingombranti ( reti e materassi, mobili, elementi di arredo lastre di vetro e specchi), sfalci e potature di giardino e soprattutto gli oli vegetali esausti che creano enormi danni all’ambiente al mare ed alle falde acquifere se dispersi nella rete fognaria e nell’ambiente.  Interessante è per i cittadini lo sconto del 10% sulla bolletta, qualora gli stessi facciano richiesta ed utilizzo di una compostiera in comodato d’uso gratuito per il compostaggio domestico, previo contratto firmato tra utente e Comune in cui si prevede la raccolta dell’organico solo una volta alla settimana. Tutti i cittadini consumatori di Formia potranno ottenere le informazioni sulle le novità della raccolta differenziata anche presso la sede dell’Associazione dei Consumatori Asso.Cons.Italia-Formia aggiudicatrice del bando promosso da Formia Rifiuti Zero per la distribuzione del kit nonché del nuovo calendario di raccolta nel territorio comunale. Pertanto, si ringrazia la Formia Rifiuti Zero per aver dato la possibilità alla nostra associazione di informare e formare i concittadini ad un riciclo consapevole a tutela dell’ambiente.


Formia Rifiuti Zero: L’Asso. Cons. Italia e la Coop. Sociale Herasmus aggiudicatarie del servizio di distribuzione alle utenze del materiale per la raccolta differenziata

L’Associazione Consumatori Italia di Formia e la Cooperativa Sociale Herasmus sono i due enti, senza scopo di lucro, individuati tramite l’avviso pubblico bandito dalla società Formia Rifiuti Zero. I due soggetti coopereranno nella nuova campagna di comunicazione e svolgeranno il servizio di distribuzione alle utenze del materiale per la raccolta differenziata.

Il 12 gennaio si è tenuto il primo incontro formativo per i 22 eco-volontari, un’occasione per conoscersi ma anche un momento per apprendere la nuova organizzazione del servizio, il ciclo dei materiali e i risultati raggiunti.

Entrambi i soggetti hanno dimostrato un grande interesse ed entusiasmo per l’opportunità fornita dalla FRZ:

La Cooperativa Sociale Herasmus opera da 26 anni nel campo della disabilità e dello svantaggio sociale attraverso la gestione di diversi servizi socio-sanitari, assistenziali ed educativi.  Con il progetto “Differenziare Insieme Diversamente”, presentato alla Formia Rifiuti Zero, vogliamo promuovere l’inserimento lavorativo e l’inclusione sociale di soggetti svantaggiati e persone diversamente abili. Il progetto si snoda attorno al cardine dell’inserimento lavorativo nel settore ambientale, della cura dell’ambiente e della promozione alla cultura della differenziata vista come luogo ideale per promuovere opportunità occupazionali sostenibili e connesse con il tessuto economico di Formia.

(La Resp. Coop. Sociale Herasmus, Sig.ra Filomena Villa)

“L’Associazione dei Consumatori, Asso.Cons.Italia Formia, da sempre impegnata nella diffusione delle buone pratiche ambientali e nelle azioni contro l’inquinamento, è onorata di essere stata scelta quale partner di supporto all’attività di Formia Rifiuti Zero.  L’opportunità che ne deriva è quella di tutelare il diritto degli utenti e dei consumatori ad una corretta informazione e formazione ai valori legati al consumo mediante giusti metodi al fine di renderli consapevoli della funzione sociale legata al consumo sostenibile e del proprio ruolo. Ridurre i rifiuti differenziandoli correttamente, infatti, significa garantire il diritto fondamentale dei consumatori alla protezione contro i rischi per la salute e la sicurezza ed, in una prospettiva più ampia, il diritto a vivere in un ambiente sano.”

(Il Resp. Asso.Cons.Italia Formia, Avv. Fabio Della Rossa)

“Le associazioni sono una grande risorsa per la città – commenta l’Amministratore unico di FRZ, Raphael Rossi – l’esperienza con l’ATS Gianola Verde ha dimostrato come la figura dell’eco-volontario sia di fondamentale importanza nella divulgazione dei valori legati alla tutela ambientale e nella collaborazione tra Istituzioni e cittadini. Grazie all’intervento degli eco-volontari negli scorsi anni sono stati conseguiti ottimi risultati con il raggiungimento del 62% di raccolta differenziata e siamo convinti che questa nuova campagna di comunicazione li migliorerà ancora di più”.